Jérôme Lejeune Scientifique

" Una frase, una sola, detterà la nostra condotta, le stesse parole di Gesù: “Quello che avete fatto al più piccolo tra i miei fratelli, è a me che l’avete fatto”." Jérôme Lejeune

Il 3 aprile 1994, la mattina di Pasqua, il Prof. Jerome Lejeune fu richiamato a Dio. L’indomani il Santo Padre Giovanni Paolo II fece pervenire un messaggio al cardinale arcivescovo di Parigi: "Se il Padre dei cieli l’ha richiamato da questa terra il giorno stesso della Resurrezione di Cristo, è difficile non vedere in questa coincidenza un segno".

 

Medico per vocazione, ricercatore per necessità

Nato nel 1926 a Montrouge, Jerome Lejeune subito comincia a sperare di divenire medico.

Jérôme Lejeune enfant Jérôme LejeuneJérome Lejeune Trisomiques

Formato attraverso studi classici, si appassiona a tutto, il teatro e l’astronomia, la musica e la matematica e quando, dopo la fine della guerra bisogna scegliere, si tuffa con passione negli studi di medicina.

Nel 1951 entra nell’équipe del Professor Turpin, per occuparsi di quelli che venivano chiamati allora mongoloidi.

Fin da quel momento, sconvolto dai suoi pazienti "privati della pienezza di vita che si chiama libertà di spirito", Jerome Lejeune dedica loro la sua esistenza e mette tutto il suo cuore e la sua intelligenza alla ricerca di un trattamento: "La compassione nei confronti dei genitori è un sentimento che tutti i medici dovrebbero avere. L’uomo che riesca ad annunciare a dei genitori che il loro bambino è gravemente malato e che non senta il suo cuore sconvolgersi al pensiero del dolore che li sommergerà, quest’uomo, non è degno del nostro mestiere."

Nel 1958 esaminando il cariotipo di un giovane ragazzo, scopre l’origine del mongolismo: un cromosoma in più nel ventunesimo paio.

 

Jérôme Lejeune caryotype Caryotype Chromosome 21

Bisognerà aspettare la prima pubblicazione firmata Lejeune, Turpin, Gautier, all’Accademia di Scienze il 26 gennaio 1959, e presentare 3 casi di bambini mongoloidi affinché la comunità internazionale poco a poco comprenda la portata di questa scoperta.

Egli riceve allora innumerevoli premi ed è nominato membro di numerose accademie e istituzioni internazionali. Il 6 giugno 1959, qualche mese dopo la pubblicazione, scrive nel suo diario: "sarebbe una gioia profonda se Dio ci rendesse capaci di poter fare qualcosa per questi bambini che osservo, impotente, da circa 10 anni ormai". Se questa scoperta eccezionale fa di lui il “padre della genetica moderna”, essa soprattutto fa nascere in lui un sentimento d’urgenza che non lo lascerà più fino alla sua morte.

Jérôme Lejeune et enfant trisomique

 

Testimone di Dio, testimone degli uomini

 Jerome Lejeune contempla ciò che lo circonda come un vero poeta. Aprirsi al mistero della bellezza del mondo che lo circonda lo impegna a lottare contro le défaillances della natura soprattutto quando le vittime di queste disfunzioni sono i suoi “fratelli umani”. Agire per ristabilire l’armonia, curare, guarire, difendere pubblicamente la dignità e la vita dei suoi pazienti diventano il suo obiettivo primario. E quando la medicina propone di vincere la malattia sopprimendo il malato, egli non accetta questo assoluto controsenso e diventa l’instancabile avvocato dei suoi pazienti.

Jérôme Lejeune conférenceJérôme Lejeune et enfant trisomiqueJérôme Lejeune Jean-Paul 2

Durante le visite all’ospedale Necker Enfants Malades lo sguardo che ha su ognuno dei suoi 9000 malati venuti da tutto il mondo scuote tutti coloro che lo incrociano.

Al ricercatore, al medico e al difensore della Vita, si aggiunge un cristiano nutrito da una Fede <<esigente e ardente>> vissuta nel quotidiano. Testimonia il Vangelo con la sua scienza, dimostrando anche la conformità totale tra scienza e Fede. Risponde chiaramente a tal proposito <<come potrebbe esserci contraddizione tra il vero ed il verificato? È sempre il secondo che tarda>>. Già membro dell’Accademia Pontificale delle Scienze, il Santo Padre lo nomina primo presidente dell’Accademia Pontificale per la Vita.

Il suo processo di beatificazione e di canonizzazione si è aperto il 28 giugno 2007.